Fwd: il licensing di dati georeferenziati

classic Classic list List threaded Threaded
6 messages Options
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Fwd: il licensing di dati georeferenziati

pcav
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Salve.
Non mi pare sia gia' passato.
Saluti.

- - - - - - - - - - -
Il licensing di dati georeferenziati: indicazioni per la scelta e
applicazione della licenza pi adatta: due documenti realizzati da me
e Carlo Piana per il progetto FreeGIS.net.
http://aliprandi.blogspot.it/2013/07/freegis-D52-D54-license-it.html
Spero possano risultare utili.
C'│ pi o meno tutto quello che c'│ da sapere sul licenziamento dei
dati geografici.
Un caro saluto a tutti.

- --
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org


-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.12 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Icedove - http://www.enigmail.net/

iEYEARECAAYFAlHyMAcACgkQ/NedwLUzIr6M2ACfdimMmzAcTqbtuL5mnjB3fNxn
iPYAn2wp5Zn6+q/7uGKVVB0HEpslrUpD
=pVfE
-----END PGP SIGNATURE-----
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Fwd: il licensing di dati georeferenziati

Markus Neteler
On Fri, Jul 26, 2013 at 10:15 AM, Paolo Cavallini <[hidden email]> wrote:
> -----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
> Hash: SHA1
>
> Salve.
> Non mi pare sia gia' passato.
> Saluti.

Sì, 2gg fa:


2013/7/24 [hidden email] <[hidden email]>:

> Vi inoltro il seguente messaggio, sperando di fare cosa gradita.
>
> Il licensing di dati georeferenziati: indicazioni per la scelta e
> applicazione della licenza più adatta: due documenti per il progetto FreeGIS.
> net.
> http://aliprandi.blogspot.it/2013/07/freegis-D52-D54-license-it.html
> Spero possano risultare utili.
>
> Agata
> http://okfn.org/members/agatalotauro/
>
> ps- [hidden email] lavori per noi o lavori anche per te stesso e per il
> bene comune?

ciao
Markus
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Fwd: il licensing di dati georeferenziati

Maurizio Napolitano-2
In reply to this post by pcav
Consiglio vivamente la lettura del documento
https://freegis.net/documents/10157/14646/FreeGIS+data+licence+1
- viene fatta una bella review delle licenze attualmente in uso
- viene fatta una attenta analisi delle problematiche delle
licenze share a like sui dati
- viene proposto l'uso della licenza CC0


Il 26/07/2013 10:15, Paolo Cavallini ha scritto:

> -----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
> Hash: SHA1
>
> Salve.
> Non mi pare sia gia' passato.
> Saluti.
>
> - - - - - - - - - - -
> Il licensing di dati georeferenziati: indicazioni per la scelta e
> applicazione della licenza pi adatta: due documenti realizzati da me
> e Carlo Piana per il progetto FreeGIS.net.
> http://aliprandi.blogspot.it/2013/07/freegis-D52-D54-license-it.html
> Spero possano risultare utili.
> C'│ pi o meno tutto quello che c'│ da sapere sul licenziamento dei
> dati geografici.
> Un caro saluto a tutti.
>
> - --
> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
>
>
> -----BEGIN PGP SIGNATURE-----
> Version: GnuPG v1.4.12 (GNU/Linux)
> Comment: Using GnuPG with Icedove - http://www.enigmail.net/
>
> iEYEARECAAYFAlHyMAcACgkQ/NedwLUzIr6M2ACfdimMmzAcTqbtuL5mnjB3fNxn
> iPYAn2wp5Zn6+q/7uGKVVB0HEpslrUpD
> =pVfE
> -----END PGP SIGNATURE-----
> _______________________________________________
> [hidden email]
> http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
> Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
> I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
> 666 iscritti al 22.7.2013
>


--
FBK - Fondazione Bruno Kessler
Trento - Italy
tel +39 0461 314341
http://goo.gl/LT1vp
http://ict.fbk.eu/people/profile/napo
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Fwd: il licensing di dati georeferenziati

Maurizio Trevisani
Non condivido le conclusioni dei documenti .
Es: ritengo non sia corretto affermare che

"è importante tener presente che la tutela
del diritto sui generis si applica non alle informazioni
in sé (che sono sempre libere da privative)
bensì alle informazioni organizzate e coordinate
sotto forma di banca dati."

non credo che le informazioni (dati) siano libere da privative: non
sono fiori che si colgono nei prati, ma per acquisirle, produrle,
verificarle, organizzarle, metadocumntarle si sostengono importanti
costi. E vi è la progettazione della loro strutturazione, delle
strategie di acquisizione ed aggiornamento, delle strategie per
favorirne interoperabilità e fruibilità, delle strategie di
elaborazione per derivarne statistiche e report, che a tutti gli
effetti sono da considerarsi attività di "ingegno" se non addirittura,
in alcuni casi, "artistiche"!

Anche le considerazioni

"Questa considerazione diventa a nostro avviso ancor più pregnante se
il costitutore del database è un ente pubblico, che svolge l'attività
di raccolta, organizzazione e gestione dei dati in risposta ad una sua
specifica mission istituzionale o addirittura in ossequio a precisi
obblighi di legge. In questi casi infatti una specifica richiesta di
“attribuzione” rischierebbe di risultare superflua e ridondante, dato
che è cosa nota e generalmente riconosciuta che certi tipi di dati
provengano da questa o quella istituzione (si pensi ad esempio ai dati
catastali, agli stradari comunali, ai dati sulle elezioni diffusi dal
Ministero dell'Interno, etc.). Inoltre tali dati sono comunque
costantemente disponibili, verificabili e confrontabili proprio negli
archivi cartacei o digitali di tali enti, ed è quindi poco verosimile
che si creino occasioni di confusione e di equivoco sulla loro
provenienza e sulla loro versione originaria."

non mi sembrano condivisibili: valgono forse solo per gli esempi citati!

E' cosa nota e disgraziatamente diffusa che alcuni professionisti
acquisiscano dati presso una PA, con costi irrisori o addirittura
gratis in virtù di un lavoro che stanno svolgendo per un altro
soggetto (pubblico o privato) cui poi ricaricano costi
ingiustificabili per l'acquisizione di quei dati, come se avessero
dovuto effettuare loro i rilievi!

E' importantissimo, invece, dare enorme risalto ai dati rilasciati
gratuitamente da una PA proprio per evitare che un'altra PA (o anche
un privato cittadino) li paghi come se il professionista ingaggiato li
avesse dovuti raccogliere lui!

I pirati ed i corsari continueranno a rivendere come propri i dati
ricevuti o scaricati gratis o a costi marginali, finchè non entrerà
nella consapevolezza comune che certi dati esistono, che sono gratuiti
e che la loro qualità, caratteristiche, ufficialità sono garantite da
una PA: dunque bisognerà pretendere che gli elaborati che si ottengono
da aziende e professionisti "testimonino" il fatto di derivare da dati
pubblici, citando tutte le fonti interessate.

Il rilascio come "Public Domain" non è poi proprio possibile: il fatto
stesso che i dati siano stati acquisiti con soldi pubblici implica che
la paternità non può essere "disconosciuta". Inoltre non si tratta di
risorse che possono vivere autonomamente e mantenere la loro validità
nel tempo (come una canzone o una fotografia) senza essere soggetti a
continua manutenzione ed aggiornamenti (in virtù delle continue
modifiche del territorio e dell'ambiente che cercano di modellare e
descrivere).

Del resto gli stessi FOSS e GFOSS, nel momento stesso in cui hanno
loghi, splash screen, siti specifici da cui possono essere scaricati
(e su cui la relativa community li aggiorna e manutiene) sono a tutti
gli effetti quantomeno "BY".

Lo stesso documento di Aliprandi e Piana contiene una marea di loghi!!


(credo che vi possano essere pressioni di specifiche lobby e
multinazionali in favore di licenze CC0, e credo sia cosa da
contrastare e rifiutare proprio in difesa della trasparenza, della
Openness, degli stessi principi che ispirano le comunità FOSS e
GFOSS).

ciao,
Maurizio


Il 26/07/13, Maurizio Napolitano<[hidden email]> ha scritto:

> Consiglio vivamente la lettura del documento
> https://freegis.net/documents/10157/14646/FreeGIS+data+licence+1
> - viene fatta una bella review delle licenze attualmente in uso
> - viene fatta una attenta analisi delle problematiche delle
> licenze share a like sui dati
> - viene proposto l'uso della licenza CC0
>
>
> Il 26/07/2013 10:15, Paolo Cavallini ha scritto:
>> -----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
>> Hash: SHA1
>>
>> Salve.
>> Non mi pare sia gia' passato.
>> Saluti.
>>
>> - - - - - - - - - - -
>> Il licensing di dati georeferenziati: indicazioni per la scelta e
>> applicazione della licenza pi adatta: due documenti realizzati da me
>> e Carlo Piana per il progetto FreeGIS.net.
>> http://aliprandi.blogspot.it/2013/07/freegis-D52-D54-license-it.html
>> Spero possano risultare utili.
>> C'│ pi o meno tutto quello che c'│ da sapere sul licenziamento dei
>> dati geografici.
>> Un caro saluto a tutti.
>>
>> - --
>> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
>>
>>
>> -----BEGIN PGP SIGNATURE-----
>> Version: GnuPG v1.4.12 (GNU/Linux)
>> Comment: Using GnuPG with Icedove - http://www.enigmail.net/
>>
>> iEYEARECAAYFAlHyMAcACgkQ/NedwLUzIr6M2ACfdimMmzAcTqbtuL5mnjB3fNxn
>> iPYAn2wp5Zn6+q/7uGKVVB0HEpslrUpD
>> =pVfE
>> -----END PGP SIGNATURE-----
>> _______________________________________________
>> [hidden email]
>> http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
>> Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
>> I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni
>> dell'Associazione GFOSS.it.
>> 666 iscritti al 22.7.2013
>>
>
>
> --
> FBK - Fondazione Bruno Kessler
> Trento - Italy
> tel +39 0461 314341
> http://goo.gl/LT1vp
> http://ict.fbk.eu/people/profile/napo
> _______________________________________________
> [hidden email]
> http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
> Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
> I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni
> dell'Associazione GFOSS.it.
> 666 iscritti al 22.7.2013
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Fwd: il licensing di dati georeferenziati

stefano campus
Administrator
assolutamente, completamente e definitivamente d'accordo con l'analisi di maurizio trevisani!

s.
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Fwd: il licensing di dati georeferenziati

gianni siletto
In reply to this post by Maurizio Trevisani
Sacrosanto! sono anni che mi scontro con visioni che secondo me sono un po' lontane dalla realtà...

Maurizio Trevisani wrote
Non condivido le conclusioni dei documenti .
....
E' importantissimo, invece, dare enorme risalto ai dati rilasciati
gratuitamente da una PA proprio per evitare che un'altra PA (o anche
un privato cittadino) li paghi come se il professionista ingaggiato li
avesse dovuti raccogliere lui!

I pirati ed i corsari continueranno a rivendere come propri i dati
ricevuti o scaricati gratis o a costi marginali, finchè non entrerà
nella consapevolezza comune che certi dati esistono, che sono gratuiti
e che la loro qualità, caratteristiche, ufficialità sono garantite da
una PA: dunque bisognerà pretendere che gli elaborati che si ottengono
da aziende e professionisti "testimonino" il fatto di derivare da dati
pubblici, citando tutte le fonti interessate
.

Il rilascio come "Public Domain" non è poi proprio possibile: il fatto
stesso che i dati siano stati acquisiti con soldi pubblici implica che
la paternità non può essere "disconosciuta". Inoltre non si tratta di
risorse che possono vivere autonomamente e mantenere la loro validità
nel tempo (come una canzone o una fotografia) senza essere soggetti a
continua manutenzione ed aggiornamenti (in virtù delle continue
modifiche del territorio e dell'ambiente che cercano di modellare e
descrivere)
.