Mappe sostenibili

classic Classic list List threaded Threaded
5 messages Options
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Mappe sostenibili

pcav
Salve.
Sono sempre stato convinto che il software libero sia inerentemente vicino ai temi
della sostenibilita' e dell'ambiente. Mi dispiace quindi vedere che un'iniziativa
cosi': http://www.mappedelconsumo.it/ sia realizzata con sw proprietario.
Secondo voi perche'? Scarsa conoscenza delle possibilita' libere? Maggior facilita'
(reale o percepita) della soluzione utilizzata?
Saluti, e grazie se mi aiutate a capire.
--
Paolo Cavallini - www.faunalia.eu
Corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.eu/training.html
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666+40 iscritti al 5.6.2014
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Mappe sostenibili

Alessandro Sarretta
Non saprei Paolo,
le motivazioni possono essere varie.
Io non riesco a capire cosa hanno usato per il portale, tu da dove lo vedi?
Per la mappa di sfondo si potrebbe credo chiedere che venga messa come opzione anche Openstreetmap.
Mi interessa ancora di più sapere se i dati invece possono essere scaricati e/o rilasciati con licenza aperta, visto che "Tutti i dati al momento inseriti provengono da fonti informative pubbliche e liberamente accessibili attraverso istituzioni o associazioni. L'elenco può essere continuamente integrato ed aggiornato anche grazie al vostro contributo!!"
Sarebbe un buon input per iniziative simili o collegate. Si può chiedere...

Ale


On 23/07/2014 12:12, Paolo Cavallini wrote:
Salve.
Sono sempre stato convinto che il software libero sia inerentemente vicino ai temi
della sostenibilita' e dell'ambiente. Mi dispiace quindi vedere che un'iniziativa
cosi': http://www.mappedelconsumo.it/ sia realizzata con sw proprietario.
Secondo voi perche'? Scarsa conoscenza delle possibilita' libere? Maggior facilita'
(reale o percepita) della soluzione utilizzata?
Saluti, e grazie se mi aiutate a capire.

--

Alessandro Sarretta

skype/twitter: alesarrett
Web: ilsarrett.wordpress.com

Research information:


_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666+40 iscritti al 5.6.2014
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Mappe sostenibili

andrea giacomelli-2
In reply to this post by pcav
Caro Paolo


Il giorno 23 luglio 2014 12:12, Paolo Cavallini <[hidden email]> ha scritto:
Salve.
Sono sempre stato convinto che il software libero sia inerentemente vicino ai temi
della sostenibilita' e dell'ambiente.

...ma nelle mie statistiche che ci sono più decisori operanti sui temi della sostenibilità e dell'ambiente che non l'hanno mai pensata allo stesso modo...

penso tu debba rivedere questa tua convinzione di fondo ;)

poi si può parlare anche dei fattori ostanti all'introduzione di innovazione nelle organizzazioni

a dopo!

a.

 
Mi dispiace quindi vedere che un'iniziativa
cosi': http://www.mappedelconsumo.it/ sia realizzata con sw proprietario.
Secondo voi perche'? Scarsa conoscenza delle possibilita' libere? Maggior facilita'
(reale o percepita) della soluzione utilizzata?
Saluti, e grazie se mi aiutate a capire.
--
Paolo Cavallini - www.faunalia.eu
Corsi QGIS e Po


_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666+40 iscritti al 5.6.2014
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Mappe sostenibili

Piergiorgio Cipriano
In reply to this post by pcav
Secondo me la prima: scarsa co(no)scenza.

Forse basta chiedere ai diretti interessati: 





pg
 
______________________________
Piergiorgio Cipriano
 


Il giorno 23 luglio 2014 12:12, Paolo Cavallini <[hidden email]> ha scritto:
Salve.
Sono sempre stato convinto che il software libero sia inerentemente vicino ai temi
della sostenibilita' e dell'ambiente. Mi dispiace quindi vedere che un'iniziativa
cosi': http://www.mappedelconsumo.it/ sia realizzata con sw proprietario.
Secondo voi perche'? Scarsa conoscenza delle possibilita' libere? Maggior facilita'
(reale o percepita) della soluzione utilizzata?
Saluti, e grazie se mi aiutate a capire.
--
Paolo Cavallini - www.faunalia.eu
Corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.eu/training.html
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666+40 iscritti al 5.6.2014


_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666+40 iscritti al 5.6.2014
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Mappe sostenibili

aborruso
Administrator
In reply to this post by Alessandro Sarretta
Alessandro, anche a me colpisce molto la faccenda dell'accesso ai dati.

Che poi visto l'open by default, si riescono ad estrarre in pochi minuti (http://goo.gl/g0XTjt), ma non ha un senso particolare.

Sono d'accordo nel proporre la tua richiesta!
Andrea Borruso

----------------------------------------------------
twitter: https://twitter.com/aborruso
website: https://medium.com/tantotanto
38° 7' 48" N, 13° 21' 9" E
----------------------------------------------------