Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

classic Classic list List threaded Threaded
20 messages Options
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

Alessandro Sarretta
Un piccolo contributo di discussione sulla scia di un paio di
notizie/discussioni nate da questa lista:
http://ilsarrett.wordpress.com/2013/03/28/open-source-vs-closed-source-quale-aiuta-di-piu-linnovazione/

Ale

--
Alessandro Sarretta

e-mail: [hidden email]
skype: alesarrett
Web: http://ilsarrett.wordpress.com
Twitter: https://twitter.com/alesarrett
Google scholar: http://scholar.google.it/citations?hl=it&user=IsyXargAAAAJ
ORCID: http://orcid.org/0000-0002-1475-8686
ResearchGate: https://www.researchgate.net/profile/Alessandro_Sarretta/

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

pcav
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 28/03/2013 15:27, Alessandro Sarretta ha scritto:
> Un piccolo contributo di discussione sulla scia di un paio di notizie/discussioni
> nate da questa lista:
> http://ilsarrett.wordpress.com/2013/03/28/open-source-vs-closed-source-quale-aiuta-di-piu-linnovazione/

grazie, semplice e bello

- --
Paolo Cavallini - Faunalia
www.faunalia.eu
Full contact details at www.faunalia.eu/pc
Nuovi corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.it/calendario
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.12 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlFUVxkACgkQ/NedwLUzIr4c4wCeNrrxx9XrnzPqsPQ6dzqXzZvu
kAkAnjD8Fy8sJ855IlpVIACjwK9mXyfl
=3dsF
-----END PGP SIGNATURE-----
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

D_Guidi
> grazie, semplice e bello
anche troppo semplice IMHO, ma non voglio assolutamente scatenare flame o altro.
"acquistare una licenza significa semplicemente comprare qualcosa che
c’è, senza aggiungere niente di nuovo e senza dare la possibilità a
nessun altro di usufruirne"
- esiste un modello di business basato sulle licenze, che ripaga lo
sviluppo delle nuove funzionalità
- esiste un modello di business in cui lo sviluppo delle nuove
funzionalità è finanziato non dalle licenze.
sempre di nuove funzionalità e di modello di business si parla
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

pcav
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 28/03/2013 16:31, Diego Guidi ha scritto:

> - esiste un modello di business basato sulle licenze, che ripaga lo
> sviluppo delle nuove funzionalità
> - esiste un modello di business in cui lo sviluppo delle nuove
> funzionalità è finanziato non dalle licenze.
> sempre di nuove funzionalità e di modello di business si parla

quello che ci dice Alessandro e': probabilmente il modello di sviluppo libero ed
aperto e' piu' efficiente di quello proprietario.
business!=sviluppo.
saluti.
- --
Paolo Cavallini - Faunalia
www.faunalia.eu
Full contact details at www.faunalia.eu/pc
Nuovi corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.it/calendario
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.12 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlFUYxkACgkQ/NedwLUzIr6qtQCeO4Fnwt2TpG94+9VNf06a5vS9
U5wAoLW6OUre/JvEo2Dm2V++CQsYCOM+
=U45b
-----END PGP SIGNATURE-----
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

Sandro Santilli
In reply to this post by D_Guidi
On Thu, Mar 28, 2013 at 04:31:53PM +0100, Diego Guidi wrote:

> - esiste un modello di business basato sulle licenze, che ripaga lo
>   sviluppo delle nuove funzionalità
> - esiste un modello di business in cui lo sviluppo delle nuove
>   funzionalità è finanziato non dalle licenze.

Va da se che nel primo caso le nuove funzionalita' sono determinate
esclusivamente dal proprietario del business, mentre nel secondo
caso e' il mercato ad avere maggior potere.

La differenza e' quindi nell'opportunita' di determinare l'innovazione.
In un caso e' inferiore che nell'altro.

--strk;
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

D_Guidi
2013/3/28 Sandro Santilli <[hidden email]>:
> La differenza e' quindi nell'opportunita' di determinare l'innovazione.
> In un caso e' inferiore che nell'altro.
Ottimo punto, questo.
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

Stefano Iacovella
In reply to this post by Sandro Santilli
Il 28 marzo 2013 16:41, Sandro Santilli <[hidden email]> ha scritto:

> On Thu, Mar 28, 2013 at 04:31:53PM +0100, Diego Guidi wrote:
>
>> - esiste un modello di business basato sulle licenze, che ripaga lo
>>   sviluppo delle nuove funzionalità
>> - esiste un modello di business in cui lo sviluppo delle nuove
>>   funzionalità è finanziato non dalle licenze.
>
> Va da se che nel primo caso le nuove funzionalita' sono determinate
> esclusivamente dal proprietario del business, mentre nel secondo
> caso e' il mercato ad avere maggior potere.
>
> La differenza e' quindi nell'opportunita' di determinare l'innovazione.
> In un caso e' inferiore che nell'altro.
>

Concordo con la frase  di strk che mi sembra individuare con maggiore
precisione il vantaggio del modello Open Source.
Anche nel modello proprietario gli utilizzatori finanziano lo
sviluppo, quindi trovo concettualmente discutibile affermare che
quando i soldi spesi per sw Open Source sicuramente finanziano il
miglioramento e quelli spesi in licenze di sw proprietario no.

La differenze sostanziale è che nel modello proprietario tu hai scarso
o nullo controllo sullo sviluppo. E questo vale tanto di piu quanto
maggiori sono le dimensioni dell'utilizzatore.
Un grande utilizzatore con un sostanziale peso economico, pensiamoa d
una Pubblica Amministrazione o ad una grande Corporation, può disporre
di risorse necessarie e sufficienti a finanziare los viluppo di
caratteristiche sostanziali di un sw e può negoziarne la
realizzazione. Nel modello proprietario questo è quasi impossibile.

Stefano

---------------------------------------------------
41.95581N 12.52854E


http://www.linkedin.com/in/stefanoiacovella

http://twitter.com/#!/Iacovellas
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

Alessandro Sarretta
In reply to this post by D_Guidi
Ops, spero anch'io di non aver scatenato un flame... :-)
Riporto qui quanto commentato sul sito:

Ovviamente è un’affermazione semplicistica, concordo :-)
Quello che dici è giusto, cioè che comprando una licenza permetti agli sviluppatori di sostenere il proprio lavoro e quindi di continuare a sviluppare il software. I software a codice non aperto non sono il male, né tantomeno chi li sviluppa. Mai detto e soprattutto mai pensato niente di vicino a ciò, tanto per sgombrare il campo da interpretazioni possibili sul significato di questo articolo.
Il fatto però è che quando si compra la licenza per un software, quello che si compra, e che in effetti si vuole comprare, è proprio il software in sè.
Pagare lo sviluppo di base di un software open source, lo sviluppo di una funzionalità o plugin specifico, la chiusura di un bug, ha espressamente lo scopo di migliorare il software in qualche suo aspetto, non di acquisire una licenza per il suo utilizzo nella sua attuale forma.
Il problema semmai è che spesso “open source” viene semplicisticamente assimilato solo a “gratis”, azzoppando la sua vera potenzialità che è appunto quella di “innovare” qualcosa.
Ale

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

pcav
In reply to this post by Stefano Iacovella
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 28/03/2013 16:54, Stefano Iacovella ha scritto:

> Un grande utilizzatore con un sostanziale peso economico, pensiamoa d
> una Pubblica Amministrazione o ad una grande Corporation, può disporre
> di risorse necessarie e sufficienti a finanziare los viluppo di
> caratteristiche sostanziali di un sw e può negoziarne la
> realizzazione. Nel modello proprietario questo è quasi impossibile.

Non solo, ma anche i piccoli, o i singoli utenti, possono influenzare lo sviluppo,
aiutando a disegnare strumenti piu' funzionali, a scoprire bugs, e a prendere le
decisioni migliori per tutti.
Occorre dire che la democrazia e' migliore della dittatura, anche perche' e' piu'
stabile e resiliente?
Saluti.

- --
Paolo Cavallini - Faunalia
www.faunalia.eu
Full contact details at www.faunalia.eu/pc
Nuovi corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.it/calendario
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.12 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlFUaNcACgkQ/NedwLUzIr5MUACghuiDZqLmnjp2qz7LoF36F+gZ
xgIAn2Rd07wFjn7RT+/CoaME2ZkHx7cL
=FNEa
-----END PGP SIGNATURE-----
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

Stefano Iacovella
Il 28 marzo 2013 16:59, Paolo Cavallini <[hidden email]> ha scritto:

> -----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
> Hash: SHA1
>
> Il 28/03/2013 16:54, Stefano Iacovella ha scritto:
>
>> Un grande utilizzatore con un sostanziale peso economico, pensiamoa d
>> una Pubblica Amministrazione o ad una grande Corporation, può disporre
>> di risorse necessarie e sufficienti a finanziare los viluppo di
>> caratteristiche sostanziali di un sw e può negoziarne la
>> realizzazione. Nel modello proprietario questo è quasi impossibile.
>
> Non solo, ma anche i piccoli, o i singoli utenti, possono influenzare lo sviluppo,
> aiutando a disegnare strumenti piu' funzionali, a scoprire bugs, e a prendere le
> decisioni migliori per tutti.
> Occorre dire che la democrazia e' migliore della dittatura, anche perche' e' piu'
> stabile e resiliente?
> Saluti.
>
Difatti siamo tutti sostanzialmente d'accordo su un assioma: Open
Source meglio di Closed Cource :-)

Ma proprio perchè è davvero un "mondo" migliore e noi siamo
democratici, ci piace anche discuterne e non darlo per scontato :-)

Tanto per continuare a fare l'avvocato del diavolo esistono situazioni
in cui si paga per la semplice installazione e configurazione di sw OS
in maniera del tutto analoga a come si farebbe con sw proprietario. E
di quei soldi magari non torna nulla al progetto.

Stefano
---------------------------------------------------
41.95581N 12.52854E


http://www.linkedin.com/in/stefanoiacovella

http://twitter.com/#!/Iacovellas
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

pcav
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 28/03/2013 17:05, Stefano Iacovella ha scritto:

> Tanto per continuare a fare l'avvocato del diavolo esistono situazioni in cui si
> paga per la semplice installazione e configurazione di sw OS in maniera del
> tutto analoga a come si farebbe con sw proprietario. E di quei soldi magari non
> torna nulla al progetto.

verissimo, questo e' un problema reale.
saluti.
- --
Paolo Cavallini - Faunalia
www.faunalia.eu
Full contact details at www.faunalia.eu/pc
Nuovi corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.it/calendario
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.12 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlFUauUACgkQ/NedwLUzIr5Y2QCfcPI7o/gU94tf2RRL+d1BP/Kq
LYEAoLlfhvcYaMtd05VHBNhjzO9kmikd
=ArmU
-----END PGP SIGNATURE-----
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

D_Guidi
2013/3/28 Paolo Cavallini <[hidden email]>:
> verissimo, questo e' un problema reale.

insisto: dov'è il problema? prestazione lavorativa regolarmente retribuita.
forse intendi che la licenza OSS dovrebbe prevedere un qualche tipo di
contributo per guadagni realizzati in questo modo?
PS: è una domanda, non una polemica :)
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

Giuseppe Sucameli
2013/3/28 Diego Guidi <[hidden email]>:
> 2013/3/28 Paolo Cavallini <[hidden email]>:
>> verissimo, questo e' un problema reale.
>
> insisto: dov'è il problema? prestazione lavorativa regolarmente retribuita.

Immagino non intendesse questo.

> forse intendi che la licenza OSS dovrebbe prevedere un qualche tipo di
> contributo per guadagni realizzati in questo modo?

Né questo :)

Dovrebbe essere nella natura delle cose contribuire al progetto se ti fa
guadagnare, sarebbe come per le aziende investire in R&D del resto.

Ovviamente non può essere previsto nella licenza altrimenti la libertà va
a farsi benedire.

> PS: è una domanda, non una polemica :)

Raga, scialla... (scusate il linguaggio! non lo faccio più, prometto!).

Mi pare che le discussioni sia impermeate di costante preoccupazione per
il possibile scatenarsi di flame, come se questo possa scaturire da una
considerazione/pensiero/frase mal interpretata...

Per piacere, cerchiamo di essere Open anche noi... mentalmente intendo.

Una buona serata a tutti!

> _______________________________________________
> [hidden email]
> http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
> Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
> I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
> 638 iscritti al 28.2.2013



--
Giuseppe Sucameli
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

giohappy
Concordo su tutto quanto scritto, e premetto che io utilizzo sia sw Open che proprietario, a seconda delle necessità e dei contesti.
Da utente, l'unico problema che vedo nel modello di sviluppo Open sono i tempi per la realizzazione di qualcosa di inedito.

Mi spiego.
Esclusi gli ambiti in cui già esiste molto di Open (es. i GIS), ci sono settori dove ancora la distanza tra quel po' che c'è di Open e le soluzioni proprietarie è enorme.
Ultimamente mi sono addentrato nel mondo dei BIM (Building Information Modelling). In questo ambito ci sono un paio di librerie di basso livello, molto complesse da gestire, e un server Open Source che sta maturando molto bene (BimServer). Tuttavia manca un ambiente di modellazione BIM del livello di ArchiCAD o di Revit. 
Con qualche migliaio di € mi compro Revit (e con molto meno Rhinoceros+VisualARQ), e da domani posso cominciare a lavorare.
Se volessi sostenere lo sviluppo di un ambiente BIM OS comparabile con quelli citati, quanto tempo servirebbe.... e probabilmente con 6.000 € farei ben poco. Dovrei convincere altri ad unire i soldi, e si somma altri tempo. Se metto insieme tanti soldi, forse tra un annetto riuscirei ad avere qualcosa di usabile.

Ecco. questa è l'unica (o una delle poche) pecca che vedo, in un mondo dove si lavorare per consegnare ieri, e in settori dove spesso è necessario stare al passo con lo sviluppo tecnologico costante.

Giovanni

Il giorno 28 marzo 2013 17:45, Giuseppe Sucameli <[hidden email]> ha scritto:
2013/3/28 Diego Guidi <[hidden email]>:
> 2013/3/28 Paolo Cavallini <[hidden email]>:
>> verissimo, questo e' un problema reale.
>
> insisto: dov'è il problema? prestazione lavorativa regolarmente retribuita.

Immagino non intendesse questo.

> forse intendi che la licenza OSS dovrebbe prevedere un qualche tipo di
> contributo per guadagni realizzati in questo modo?

Né questo :)

Dovrebbe essere nella natura delle cose contribuire al progetto se ti fa
guadagnare, sarebbe come per le aziende investire in R&D del resto.

Ovviamente non può essere previsto nella licenza altrimenti la libertà va
a farsi benedire.

> PS: è una domanda, non una polemica :)

Raga, scialla... (scusate il linguaggio! non lo faccio più, prometto!).

Mi pare che le discussioni sia impermeate di costante preoccupazione per
il possibile scatenarsi di flame, come se questo possa scaturire da una
considerazione/pensiero/frase mal interpretata...

Per piacere, cerchiamo di essere Open anche noi... mentalmente intendo.

Una buona serata a tutti!

> _______________________________________________
> [hidden email]
> http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
> Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
> I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
> 638 iscritti al 28.2.2013



--
Giuseppe Sucameli
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013



--
Giovanni Allegri
website: http://giovanniallegri.it
GEO+ geomatica in Italia http://bit.ly/GEOplus

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

Sandro Santilli
On Thu, Mar 28, 2013 at 06:18:56PM +0100, G. Allegri wrote:

> Ecco. questa è l'unica (o una delle poche) pecca che vedo, in un mondo dove
> si lavorare per consegnare ieri, e in settori dove spesso è necessario
> stare al passo con lo sviluppo tecnologico costante.

Quanta innovazione si e' fatta lavorando per consegnare ieri ?

--strk;
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

giohappy

Quanta innovazione si e' fatta lavorando per consegnare ieri ?

Innovazione tecnologica nessuna. E comunque sarebbe preferibile avere dei tempi più umani, questo penso ci trovi tutti d'accordo...
Però, Sandro, non è detto che l'innovazione sia solo tecnologica. Magari il frutto del lavoro è innovativo, anche se la tecnologia non ha fatto un passo avanti.
Con questo non dico niente di contrario a quanto affermato finora...

Giovanni
 

--strk;



--
Giovanni Allegri
website: http://giovanniallegri.it
GEO+ geomatica in Italia http://bit.ly/GEOplus

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

giohappy

Postilla ai miei due centesimi, se un concorrente è in grado di fare cose utili con sw di cui non esiste un'alternativa Open, credo sia pacifico (intanto) usare il sw proprietario.
In base alle risorse (economiche e temporali) poi sarà auspicabile spendersi perché quella possibilità sia di tutti, tramite strumenti di pubblico dominio.

Giovanni

Sent from Nexus

Il giorno 28/mar/2013 18:33, "G. Allegri" <[hidden email]> ha scritto:

Quanta innovazione si e' fatta lavorando per consegnare ieri ?

Innovazione tecnologica nessuna. E comunque sarebbe preferibile avere dei tempi più umani, questo penso ci trovi tutti d'accordo...
Però, Sandro, non è detto che l'innovazione sia solo tecnologica. Magari il frutto del lavoro è innovativo, anche se la tecnologia non ha fatto un passo avanti.
Con questo non dico niente di contrario a quanto affermato finora...

Giovanni
 

--strk;



--
Giovanni Allegri
website: http://giovanniallegri.it
GEO+ geomatica in Italia http://bit.ly/GEOplus

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

Stefano Iacovella
In reply to this post by D_Guidi

Per carità Diego, da un punto di vista legale o meramente pragmatico non ci vedo alcun problema. È un modo legale di usare del software, vedendolo dalla parte del cliente, ed altrettanto si può dire del punto di vista del fornitore di servizi.
Però io ritengo sia un approccio miope ed egoista, e mi sforzo di farlo capire nelle realtà in cui lavoro.
Limitarsi ad utilizzare sw open source rispetto ad avere un coinvolgimento nel progetto non è sostenibile. Ci vedo un analogia con l' utilizzare una risorsa naturale senza porsi il problema della sua sostenibilità nel lungo termine.
Se tutti usano delle risorse open source e pochi o nessuno apporta un contributo attivo i progetti sono destinati alla estinzione.
Non credo che si debba includere restrizioni di questo tipo agli utilizzatori, dal mio punto di vista è un vincolo eccessivo alla libertà di utilizzo, ma sono domande che ogni utilizzatore dovrebbe porsi e su cui giustamente tanti svolgono un lavoro di sensibilizzazione.

Stefano

Il giorno 28/mar/2013 17:27, "Diego Guidi" <[hidden email]> ha scritto:

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

pcav
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 28/03/2013 18:54, Stefano Iacovella ha scritto:

> sono domande
> che ogni utilizzatore dovrebbe porsi e su cui giustamente tanti svolgono un lavoro di
> sensibilizzazione.

e infatti, questa comunita', e l'Associazione GFOSS.it, sono nate giustappunto per
questo.
saluti.
- --
Paolo Cavallini - Faunalia
www.faunalia.eu
Full contact details at www.faunalia.eu/pc
Nuovi corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.it/calendario
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.12 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlFUhUoACgkQ/NedwLUzIr6HDwCcDU/QulZ7bcBziq2hx4Jhg8Ez
isYAn1cojyWYkroNHqrKW0N6cOmwU+Ya
=aEUp
-----END PGP SIGNATURE-----
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Open source vs Closed source: quale aiuta di più l’innovazione?

Marco Curreli
In reply to this post by Stefano Iacovella
On 16:54 Thu 28 Mar     , Stefano Iacovella wrote:
> Anche nel modello proprietario gli utilizzatori finanziano lo
> sviluppo, quindi trovo concettualmente discutibile affermare che
> quando i soldi spesi per sw Open Source sicuramente finanziano il
> miglioramento e quelli spesi in licenze di sw proprietario no.
>
Qui a mio parere bisogna fare una distinzione fra i grandi marchi e le
piccole aziende produttrici di software.

Per le prime solo una parte dei proventi viene utilizzato per lo
sviluppo (spesso anche sottopagato), mentre la maggior parte produce
puro profitto.

Le piccole case prodruttrici di sw producono sostanzialmente quasi
solo reddito da lavoro, ripartito tra programmazione e assistenza.

> La differenze sostanziale è che nel modello proprietario tu hai scarso
> o nullo controllo sullo sviluppo. E questo vale tanto di piu quanto
> maggiori sono le dimensioni dell'utilizzatore.
> Un grande utilizzatore con un sostanziale peso economico, pensiamoa d
> una Pubblica Amministrazione o ad una grande Corporation, può disporre
> di risorse necessarie e sufficienti a finanziare los viluppo di
> caratteristiche sostanziali di un sw e può negoziarne la
> realizzazione. Nel modello proprietario questo è quasi impossibile.

Concordo perfettamente, anche se, anche qui, c'è da fare una
distinzione tra grandi e piccole aziende. Con le grandi è totalmente
impossibile, con le piccole si può.

Ciao,
  Marco

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
638 iscritti al 28.2.2013