Vector georeferencer per qgis

classic Classic list List threaded Threaded
22 messages Options
12
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Vector georeferencer per qgis

Giuliano Curti
ciao a tutti;

finalmente Giuseppe ed io abbiamo deciso di mettere mano al
georeferenziatore per layer vettoriali; fatica forse inutile visto che
sarà affrontato dai guru prossimamente, ma le occasioni per divertirsi
non si lasciano scappare, quindi.....

quì http://ubuntuone.com/2UVD4dY8ycfANNc1ByS0DX trovate una traccia
delle nostre idee; prevediamo:
a) semplice traslazione (1 coppia di punti)
b) rototraslazione (2 coppie di punti)
c) trasformazione affine(3+ coppie di punti);

si potrebbe anche aggiungere una roto-traslazione con scalatura
isotropica (2 coppie di punti);

stiamo giocando con il layer di punti ma estenderemo la cosa a linee e
poligoni;

ma questo "annuncio anticipato" ha in realtà un motivo neanche tanto
occulto: una richiesta di aiuto; la cosa più difficile di tutto questo
non è certo la trasformazione di un tipo o l'altro, ben risolta da
almeno un paio di secoli dall'algebra lineare, bensì il disegno
dell'interfaccia utente che richiede una buona conoscenza della
struttura di base di qgis (eventi, ecc., vero Ginetto?)

pertanto se qualcuno, mosso dall'interesse per la cosa o dalla
compassione (non staremo a guardare in bocca al cavallo...) volesse
dare una mano siamo ben felici di accogliere l'eventuale contributo;

ciao,
giuliano

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

mando
Domanda da semi profano: il plugin sarà in python o c++? Non basta disegnarla con Designer e collegare i vari bottoni agli eventi?
Oddio, o mi sono costruito tutto il plugin così..mi devo preoccupare?

Se il metodo da seguire è quello di usare Desgner io sono interessatissimo allo sviluppo e disponibilissimo a dare una mano...ma la buona volontà par non supplire all'ignoranza (mia...). Fate sapere se posso essere utile.

Ciao
Luca


2013/11/10 giulianc51 <[hidden email]>
ciao a tutti;

finalmente Giuseppe ed io abbiamo deciso di mettere mano al
georeferenziatore per layer vettoriali; fatica forse inutile visto che
sarà affrontato dai guru prossimamente, ma le occasioni per divertirsi
non si lasciano scappare, quindi.....

quì http://ubuntuone.com/2UVD4dY8ycfANNc1ByS0DX trovate una traccia
delle nostre idee; prevediamo:
a) semplice traslazione (1 coppia di punti)
b) rototraslazione (2 coppie di punti)
c) trasformazione affine(3+ coppie di punti);

si potrebbe anche aggiungere una roto-traslazione con scalatura
isotropica (2 coppie di punti);

stiamo giocando con il layer di punti ma estenderemo la cosa a linee e
poligoni;

ma questo "annuncio anticipato" ha in realtà un motivo neanche tanto
occulto: una richiesta di aiuto; la cosa più difficile di tutto questo
non è certo la trasformazione di un tipo o l'altro, ben risolta da
almeno un paio di secoli dall'algebra lineare, bensì il disegno
dell'interfaccia utente che richiede una buona conoscenza della
struttura di base di qgis (eventi, ecc., vero Ginetto?)

pertanto se qualcuno, mosso dall'interesse per la cosa o dalla
compassione (non staremo a guardare in bocca al cavallo...) volesse
dare una mano siamo ben felici di accogliere l'eventuale contributo;

ciao,
giuliano

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013


_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Giuliano Curti
Il giorno Sun, 10 Nov 2013 19:39:26 +0100
Luca Mandolesi <[hidden email]> ha scritto:

ciao Luca;

> Domanda da semi profano: il plugin sarà in python o c++? Non basta
> disegnarla con Designer e collegare i vari bottoni agli eventi?
> Oddio, o mi sono costruito tutto il plugin così..mi devo preoccupare?
> .......

ti ringrazio della domanda che mi consente di chiarire un malinteso; mi
sono reso conto di aver parlato come se tutto il mondo conoscesse
quello che avevo nella testa io :-( chiedo scusa :-)

per interfaccia non intendevo la programmazione di C++, python, ecc.
intendevo proprio il modello logico sotteso all'interazione con
l'utente;

ad es. il georeferencer raster, che assumo come modello, presenta due
canvas per le due serie di punti (origine/destinazione) da selezionare;

io questo al momento non mi sento di implementarlo: su questo i
contributi sono ben accetti :-)

nella bozza che ho fatto ho messo un altro modello, mooooolto grezzo; a
breve ne aggiungerò un secondo proprio per valutare il migliore dei
due; anche le osservazioni su questo saranno molto gradite;

intanto ti ringrazio della disponibilità che vedrai sarà presto
sfruttata:-)

 
> Ciao
> Luca

ciao,
giuliano

PS: avevo dimenticato anche, ma era sottinteso, che è disponibile per
chiunque volesse la bozza di lavoro che non ho ancora pubblicato;

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Luigi Pirelli-2
In reply to this post by Giuliano Curti
2013/11/10 giulianc51 <[hidden email]>
ma questo "annuncio anticipato" ha in realtà un motivo neanche tanto
occulto: una richiesta di aiuto; la cosa più difficile di tutto questo
non è certo la trasformazione di un tipo o l'altro, ben risolta da
almeno un paio di secoli dall'algebra lineare, bensì il disegno
dell'interfaccia utente che richiede una buona conoscenza della
struttura di base di qgis (eventi, ecc., vero Ginetto?)

come scritto bene da Luca, non devi quasi conoscere nulla di qgis per fare interfacce... basta PyQT e le GUI costruite con QtDesiner... o qualsiasi altra ide... il ponte con qgis lo fa pyqgis, percio' sei indipendente da che linguaggio usi per fare la gui... te la puoi fare anche in assembler se ti pare ;)

ciao ginetto  

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Maurizio Trevisani
Ricordo una estensione di AV32 (Transform2d) che mostrava una matrice ed i campi per inserire rotazione, scaling X, scaling Y, TraslX, TraslY e inserendo i valori nei campi si modificava al volo la matrice di trasformazione. Si potevano anche inserire direttamente i valori nelle celle della matrice. La descrivo male, ma ricordo che come interfaccia mi sembrava molto efficace.

Magari via via che si inseriscono i punti si potrebbe avere la possibilità di calcolare i parametri della trasformazione e magari anche gli scarti che si otterrebbero nei punti inseriti (presentati come n righe ciascuna con: ID, X, Y punto 1 layer, id, x, y punto 2 layer, xcalc, ycalc, scartox, scartoy del punto del 1 layer sottoposto alla trasformazione. con la possibilità di eliminare una riga provocando il ricalcolo di parametri e scarti, e con la possibilità di annullare la cancellazione - o meglio aggiungendo un check su ciascuna riga per dire che si vuole "usare" quel collegamento tra 1 e 2 layer: in pratica dare la possibilità (tra N coppie di punti inserite) di selezionare quali si vuole che contribuiscano al calcolo dei parametri di trasformazione.

Un check potrebbe servire a forzare una trasformazione isotropa.


Buon lavoro!  Sarebbe davvero una funzionalità molto utile.


Il giorno 10 novembre 2013 23:40, Gino Pirelli <[hidden email]> ha scritto:
2013/11/10 giulianc51 <[hidden email]>
ma questo "annuncio anticipato" ha in realtà un motivo neanche tanto
occulto: una richiesta di aiuto; la cosa più difficile di tutto questo
non è certo la trasformazione di un tipo o l'altro, ben risolta da
almeno un paio di secoli dall'algebra lineare, bensì il disegno
dell'interfaccia utente che richiede una buona conoscenza della
struttura di base di qgis (eventi, ecc., vero Ginetto?)

come scritto bene da Luca, non devi quasi conoscere nulla di qgis per fare interfacce... basta PyQT e le GUI costruite con QtDesiner... o qualsiasi altra ide... il ponte con qgis lo fa pyqgis, percio' sei indipendente da che linguaggio usi per fare la gui... te la puoi fare anche in assembler se ti pare ;)

ciao ginetto  

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013


_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

pcav
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 11/11/2013 00:47, Maurizio Trevisani ha scritto:

> Magari via via che si inseriscono i punti si potrebbe avere la
> possibilità di calcolare i parametri della trasformazione e magari
> anche gli scarti che si otterrebbero nei punti inseriti (presentati
> come n righe ciascuna con: ID, X, Y punto 1 layer, id, x, y punto 2
> layer, xcalc, ycalc, scartox, scartoy del punto del 1 layer
> sottoposto alla trasformazione. con la possibilità di eliminare una
> riga provocando il ricalcolo di parametri e scarti, e con la
> possibilità di annullare la cancellazione - o meglio aggiungendo un
> check su ciascuna riga per dire che si vuole "usare" quel
> collegamento tra 1 e 2 layer: in pratica dare la possibilità (tra N
> coppie di punti inserite) di selezionare quali si vuole che
> contribuiscano al calcolo dei parametri di trasformazione.
>
> Un check potrebbe servire a forzare una trasformazione isotropa.

Considerate che la sostanza di queste funzioni e' gia' presente in
GRASS (quindi anche in QGIS, anche tramite Processing): v.transform.
L'approccio interattivo proposto da Maurizio sarebbe molto utile.
La rivoluzione comunque sarebbe il poter spostare e stirare il vettore
"a mano": credo che usando i plugins di editing come base di partenza,
potrebbe non essere troppo difficile.
Saluti.


- --
Paolo Cavallini - Faunalia
www.faunalia.eu
Full contact details at www.faunalia.eu/pc
Nuovi corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.it/calendario
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.15 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlKAeXgACgkQ/NedwLUzIr7jkQCeLMpPxE3aKQLGQG+rZWjGQLxZ
bJcAniRNY8WVPzl8eXBTOnx2UY9jdhw/
=fmP1
-----END PGP SIGNATURE-----
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Novarese
Paolo Cavallini wrote
La rivoluzione comunque sarebbe il poter spostare e stirare il vettore
"a mano"


Concordo al 100%.

In prima battuta un layer vettoriale andrebbe georeferenziato rispetto ad un Geotiff sottostante, quindi "ad occhio" e non numericamente.
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Giuliano Curti
In reply to this post by pcav
Il giorno Mon, 11 Nov 2013 07:30:17 +0100
Paolo Cavallini <[hidden email]> ha scritto:

> -----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
> Hash: SHA1
>
> Il 11/11/2013 00:47, Maurizio Trevisani ha scritto:
>
> > .......
>
> ...........
> L'approccio interattivo proposto da Maurizio sarebbe molto utile.
> La rivoluzione comunque sarebbe il poter spostare e stirare il vettore
> "a mano": credo che usando i plugins di editing come base di partenza,
> potrebbe non essere troppo difficile.

questo vuol dire che riterresti utile consentire all'utente di scalare
inserendo parametri di scala Sx, Sy oppure traslare inserendo i
parametri Dx, Dy di spostamento ovvero ruotare di un angolo alfa?(*)

io mi ero concentrato sulla georeferenzazione (o ....renziazione?)
perchè mi sembrava che avesse avuto qualche eco in lista poco tempo fa,
se però sono utili anche queste operazioni non dovrebbe essere per
niente proibitivo inserirle :-) ho capito bene?


> Saluti.
>
>
> - --
> Paolo Cavallini - Faunalia

grazie, ciao,
giuliano

(*)
riferite a singole features, queste opzioni (e molte altre) sono già
presenti nei miei plugins (devo portare alla vers.2 linee e poligoni);
se qualcuno avesse voglia di darmi una mano potremmo forse portarli ad
un grado di maturazione adeguato :-)
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

geodrinx
In reply to this post by Giuliano Curti
Ciao Giuliano,

> finalmente Giuseppe ed io abbiamo deciso di mettere mano al
> georeferenziatore per layer vettoriali; fatica forse inutile visto che
> sarà affrontato dai guru prossimamente, ma le occasioni per divertirsi
> non si lasciano scappare, quindi.....

Nella versione 1.8 c'era il plugin "Helmert 2D" che effettuava le trasformazioni:
l'hai già provato ? 


Ciao

Roberto

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

mando
In reply to this post by Giuliano Curti
Ciao Giuliano, la sparo grossa al volo, così chi mi corregge ci da soluzione... ; ).  Immagino che i due canvas avranno come nome dell'oggetto canvas1 e canvas2 e ognuno lancerà i suoi segnali catturabili e su ognuno si potrà fare le operazioni indipendentemente dall'altro. Penso poi a dizionari globali per la classe che gestiscono i valori dell'uno o dell'altro canvas. "Appiccicare un canvas" ad una interfaccia utente è piuttosto semplice e non ho capito se lo hai già fatto in passato.
Collegarci i cari signals/slot o i vari on_pushButton_pressed non dovrebbe farci impazzire.

Io cmq proporrei di iniziare a trasformare in "visivo" l'esempio che hai messo nei pdf, così focalizziamo la procedura e vediamo di trasformala nel flusso per l'interfaccia grafica.

Se vuoi possiamo traslare la discussione in privato, fare una prova di fusione tra il tuo codice e una interfaccia che disegno io e poi riappaiamo per discuterne con tutti. Almeno ci togliamo il dente e vediamo quanto riusciamo ad andare avanti con le nostre forze.
Fa sapere.
Ciao
Luca




_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Giuliano Curti
In reply to this post by geodrinx
Il giorno Mon, 11 Nov 2013 09:52:12 +0100
Geo DrinX <[hidden email]> ha scritto:

> Ciao Giuliano,

ciao Roberto;

 
> > .....
>
> Nella versione 1.8 c'era il plugin "Helmert 2D" che effettuava le
> trasformazioni:
>
> http://plugins.qgis.org/plugins/helmert2d/
>
> l'hai già provato ?

nella discussione di qualche tempo fa in lista non l'avevo visto, mi è
quindi sfuggito; gli darò uno sguardo, grazie;


> Ciao
>
> Roberto

ciao,
giuliano

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

pcav
In reply to this post by mando
Il 11/11/2013 10:24, Luca Mandolesi ha scritto:
> Ciao Giuliano, la sparo grossa al volo, così chi mi corregge ci da soluzione... ; ).
>  Immagino che i due canvas avranno come nome dell'oggetto canvas1 e canvas2 e ognuno
> lancerà i suoi segnali catturabili e su ognuno si potrà fare le operazioni
> indipendentemente dall'altro. Penso poi a dizionari globali per la classe che

In realta' esiste gia' lo strumento per spostare elementi, quindi forse non e' troppo
difficile appoggiarsi su quello, aggiungendo la possibilita' di "stirare" il blocco
fin quando collima con altro.
Saluti.
--
Paolo Cavallini - www.faunalia.eu
Corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.eu/training.html
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Giuliano Curti
In reply to this post by Novarese
Il giorno Sun, 10 Nov 2013 23:47:11 -0800 (PST)
Novarese <[hidden email]> ha scritto:

> /
> Paolo Cavallini wrote
> > La rivoluzione comunque sarebbe il poter spostare e stirare il
> > vettore "a mano"
>
> /
>
> Concordo al 100%.
>
> In prima battuta un layer vettoriale andrebbe georeferenziato
> rispetto ad un Geotiff sottostante, quindi "ad occhio" e non
> numericamente.


ciao Novarese,
consentimi di dissentire: qualcuno in lista (Luca?) aveva detto che
aveva il problema di georiferire dei disegni al cad redatti in un
sistema (locale?) diverso da quello "ufficiale";

mi riprometto sempre di fare (ma il tempo come saprai è tiranno:-)
l'esempio del disegno di una rotatoria stradale; il progettista
_probabilmente_ la disegnerà in un sistema locale basato su qualche
punto fisso, magari fornito dall'AC; poi occorre inserirlo nella
cartografia, ad es. catastale, in GB; non credo appoggerai l'inserimento
"ad occhio" su un raster quando hai il vettoriale catastale
georiferito, pronto all'uso :-)

ciao,
giuliano
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Giuliano Curti
In reply to this post by mando
Il giorno Mon, 11 Nov 2013 10:24:36 +0100
Luca Mandolesi <[hidden email]> ha scritto:

> Ciao Giuliano,

ciao Luca;

> ... la sparo grossa al volo, così chi mi corregge ci da
> soluzione... ; ).  Immagino che i due canvas avranno come nome
> dell'oggetto canvas1 e canvas2 e ognuno lancerà i suoi segnali
> catturabili e su ognuno si potrà fare le operazioni indipendentemente
> dall'altro. Penso poi a dizionari globali per la classe che
> gestiscono i valori dell'uno o dell'altro canvas. "Appiccicare un
> canvas" ad una interfaccia utente è piuttosto semplice e non ho
> capito se lo hai già fatto in passato.

ho in giro qualche pezzo di codice ma non l'ho ancora usato :-(


> ......... Collegarci i cari signals/slot
> o i vari on_pushButton_pressed non dovrebbe farci impazzire.

sei sicuro? bene :-)


> Io cmq proporrei di iniziare a trasformare in "visivo" l'esempio che
> hai messo nei pdf, così focalizziamo la procedura e vediamo di
> trasformala nel flusso per l'interfaccia grafica.

già fatto, se vuoi ti mando la bozza di codice;


> Se vuoi possiamo traslare la discussione in privato, ....

va bene, coinvolgiamo anche Giuseppe P.

.
> Ciao
> Luca

ciao,
giuliano
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Novarese
In reply to this post by Giuliano Curti
giulianc51 wrote
non credo appoggerai l'inserimento "ad occhio" su un raster quando hai il vettoriale catastale georiferito


Caro Giuliano,
non cambia assolutamente nulla, il concetto resta il medesimo.

Che tu debba riferirti ad un Geotiff, piuttosto che ad un catastale vettoriale, tu calibrerai la tua mappa vettoriale "a mano" (come dice Paolo) o "ad occhio" (come dice il sottoscritto), snappando geometricamente su punti omologhi, e non certo digitando le coordinate di destinazione mediante tastiera.
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Giuliano Curti
Il giorno Mon, 11 Nov 2013 08:28:41 -0800 (PST)
Novarese <[hidden email]> ha scritto:

> /
> giulianc51 wrote
> > non credo appoggerai l'inserimento "ad occhio" su un raster quando
> > hai il vettoriale catastale georiferito
>
> /
>
> Caro Giuliano,

caro Novarese:-)


> non cambia assolutamente nulla, il concetto resta il medesimo.

non è del concetto che stiamo parlando, questo è pacifico: stiamo
collimando coppie di punti omologhi; la divergenza sta nella sua
implementazione;


> Che tu debba riferirti ad un Geotiff, piuttosto che ad un catastale
> vettoriale, tu calibrerai la tua mappa vettoriale "a mano" (come dice
> Paolo) o "ad occhio" (come dice il sottoscritto), snappando
> geometricamente su punti omologhi, e non certo digitando le
> coordinate di destinazione mediante tastiera.

fammi capire: tu hai un punto P1=(x1,y1) e lo devi portare nel punto
P2=(x2,y2); se digito da tastiera(x2,y2) per te è "numerico", se con il
mouse seleziono il punto P2, prelevo le sue coordinate (x2,y2) e le
passo al georeferencer è "a mano" o "a occhio"?


ciao,
giuliano


PS: per inciso pensavo, se mi riuscirà, di consentire anche la modalità
da tastiera;
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Novarese
Il georeferenziatore piu' semplice possibile non contempla l'uso della tastiera.

Tu snappi prima sul punto P1 sorgente e poi sul punto P1' di destinazione, graficamente.

Poi da P2 a P2', e cosi' via fino a P9 => P9', sempre e solo col mouse.

I 9 punti sarebbero i 4 spigoli + i 4 punti medi dei lati + 1 baricentro (o intersezione delle diagonali del bounding box), sebbene disporre di 9 coppie di punti omologhi sia un caso 'troppo' ideale.

Al limite basterebbero solo 2 coppie (come giustamente facevi notare tu), ottenendo una rototraslazione con scalatura, senza deformazione alcuna.
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Giuliano Curti
Il giorno Mon, 11 Nov 2013 11:55:20 -0800 (PST)
Novarese <[hidden email]> ha scritto:

ciao Novarese;


> Il georeferenziatore piu' semplice possibile non contempla l'uso della
> tastiera.

però nessuno ha posto l'obiettivo del "più semplice", anzi le ambizioni
erano di fare "il migliore" :-) purtroppo la coscienza dei miei
limiti mi obliga a castrare più di una velleità:-) per alleviare
il livello di autocastrazione ho chiesto aiuto in lista :-)


> Tu snappi prima sul punto P1 sorgente e poi sul punto P1' di
> destinazione, graficamente.
>
> Poi da P2 a P2', e cosi' via fino a P9 => P9', sempre e solo col
> mouse.
>
> I 9 punti sarebbero i 4 spigoli + i 4 punti medi dei lati + 1
> baricentro (o intersezione delle diagonali del bounding box), sebbene
> disporre di 9 coppie di punti omologhi sia un caso 'troppo' ideale.

non capisco da dove vengano le _9_ coppie ed il _baricentro_:
puoi spiegare meglio?


> Al limite basterebbero solo 2 coppie (come giustamente facevi notare
> tu), ottenendo una rototraslazione con scalatura, senza deformazione
> alcuna.

io sostengo una cosa diversa e più articolata:
1) 1 coppia di punti -> traslazione
2) 2 coppie di punti -> rototraslazione senza scalatura e/o
rototraslazione con scalatura isotropa
3) 3 o più vertici -> rototraslazione con scalatura anisotropa;

mi sfugge però il legame fra questo e la discussione precedente, mi
sono perso qualcosa?

ciao,
giuliano

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

Maurizio Trevisani
In reply to this post by Novarese
Proviamo a ragionare sul caso di georeferenziazione di una base catastale espressa in coordinate catastali, che vogliamo trasformare in modo che si adatti il meglio possibile ad una base topografica in coordinate Gauss-Boaga o UTM.

Un primo passo richiede uno sforzo di individuazione della zona coperta dall'una e dall'altra cartorafia: seleziono un punto sulla mappa catastale (punto 1cs) e poi (zoomo, panno, ecc.) seleziono un punto (più o meno) omologo sulla CTR (può essere geotiff o vettoriale) (punto 1utm). Attivo la trasformazione che, avendo un solo punto, provoca semplicemente una traslazione. Molto grossolanamente le due mappe si sovrappongono e riesco probabilmente a visualizzarle insieme (magari con colori diversi) nella stessa canvas. A questo punto diventa più facile individuare ulteriori punti (2cs, 2utm; 3cs, 3UTM; ...) e posso anche disabilitare dalle elaborazioni per il calcolo della trasformazione il primo punto individuato un po' alla cieca. Attivo una nuova trasformazione, che provoca una migliore sovrapposizione della mappa catastale sulla CTR: su qualche punto gli scarti sono più alti - magari ho cliccato male ed è opportuno eliminare quel punto dal calcolo. Attivo una nuova trasformazione, ed ho una sovrapposizione migliore delle due mappe. Posso a questo punto provocare la trasformazione definitiva, che mi produce il salvataggio di una copia della mappa catastale in coordinate UTM, il salvataggio delle coppie di punti omologhi (2cs; 3cs;... - 2utm; 3utm;...) in shapefiles di punti o di segmenti con associati gli scarti registrati per ciascun punto, il salvataggio dei parametri di rotazione, scaling e traslazione in un file di testo o dbf.

Trasformo una seconda mappa catastale, che dovrebbe essere "adiacente" alla prima: la posso georeferenziare cercando punti omologhi tra la seconda mappa CS e la CTR e magari anche rispetto alla prima mappa CS-convertita-UTM, in modo da favorire il fatto che sia meglio ottenibile una adiacenza tra le mappe trasformate. Ma a questo punto ci si rende conto che queste semine di punti omologhi testimoniano la necessità di rubber-sheeting non omogenei nelle diverse zone: sarebbe utile allora poter operare una sorta di triangolazione dei punti omologhi tale da applicare trasformazioni differenti per ciascuna porizione di territorio ricadente in un triangolo, e tali da garantire la non introduzione di rotture tra mappe (o parti della stessa mappa) a causa di parametri di trasformazione differenti individuati indipendentemente tra di loro: in pratica ciascun lato di triangolo della semina di punti omologhi garantisce una transizione senza interruzioni tra la trasformazione calcolata sulla base della tripletta di punti a sinistra e quella a destra di quel lato.

Sono  sicuro di aver fatto confusione, ma magari parlandone ci si chiarisce meglio.

Ciao,
scusate la lunghezza,
Maurizio


Il giorno 11 novembre 2013 20:55, Novarese <[hidden email]> ha scritto:
Il georeferenziatore piu' semplice possibile non contempla l'uso della
tastiera.

Tu snappi prima sul punto P1 sorgente e poi sul punto P1' di destinazione,
graficamente.

Poi da P2 a P2', e cosi' via fino a P9 => P9', sempre e solo col mouse.

I 9 punti sarebbero i 4 spigoli + i 4 punti medi dei lati + 1 baricentro (o
intersezione delle diagonali del bounding box), sebbene disporre di 9 coppie
di punti omologhi sia un caso 'troppo' ideale.

Al limite basterebbero solo 2 coppie (come giustamente facevi notare tu),
ottenendo una rototraslazione con scalatura, senza deformazione alcuna.



-----

--
View this message in context: http://gfoss-geographic-free-and-open-source-software-italian-mailing.3056002.n2.nabble.com/Vector-georeferencer-per-qgis-tp7584758p7584816.html
Sent from the Gfoss -- Geographic Free and Open Source Software - Italian mailing list mailing list archive at Nabble.com.
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013


_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Vector georeferencer per qgis

pcav
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 11/11/2013 23:31, Maurizio Trevisani ha scritto:

> Un primo passo richiede uno sforzo di individuazione della zona
> coperta dall'una e dall'altra cartorafia: seleziono un punto sulla
> mappa catastale (punto 1cs) e poi (zoomo, panno, ecc.) seleziono un
> punto (più o meno) omologo sulla CTR (può essere geotiff o
> vettoriale) (punto 1utm). Attivo la trasformazione che, avendo un
> solo punto, provoca semplicemente una traslazione.

Questo si puo' gia' fare, selezionando gli elementi di interesse ed
usando lo strumento Sposta elemento.
Saluti.
- --
Paolo Cavallini - Faunalia
www.faunalia.eu
Full contact details at www.faunalia.eu/pc
Nuovi corsi QGIS e PostGIS: http://www.faunalia.it/calendario
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.15 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlKByQkACgkQ/NedwLUzIr5JvQCfe8ufXgBAYFotDAwrklyPUl27
ZAIAoIpYYeh1VMxbRPE621CwUlnf4Vv1
=OhY4
-----END PGP SIGNATURE-----
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
12