google map maker

classic Classic list List threaded Threaded
4 messages Options
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

google map maker

stefano campus
Administrator
se la PA stava cercando un buon motivo per non abbracciare la filosofia del "siamo tutti cartografi, geografi, noi-sì-che-conosciamo-il-territorio", questa immagine del nord sardegna basta e avanza...

immagino che qualche autonomista, indipendentista abbia corretto i toponimi: nugoro, tatari, s'alighera, terranoa ecc..

a questo punto, aggiungerò anche "A fora sos Italianos", come si leggeva un tempo in molti muri dell'Isola.

Clipboard02.png
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: google map maker

cesare gerbino
Ciao Stefano,

interessante ... ma questo tuo esempio semmai rafforza le differenze tra una mappa gestita da qualcuno che sul territorio non ci stà, e una mappa gestita da una comunità che invece si e, in un caso come questo, al netto delle modifiche fatte da qualche buontempone o da qualche autonomista, indipendentista come dici tu, avrebbe avuto modo e strumenti per riscontrare tempestivamente alterazioni di questo tipo e intervenire adeguatamente  e tempestivamente per ripristinare lo status quo identificandone anche gli autori.

Sarebbe interessante vedere le reazioni relative a questo caso che si potrebbero avere dalla comunità OSM italiana!

Se poi, in uno scenario ipotetico, la stessa PA avesse un qualche ruolo "attivo" in questa comunità poteva lei stessa agire di conseguenza: ci sono casi, seppur limitati, dove questo accade e anche nel caso del mondo privato come testimonato da questo post http://de.straba.us/2013/08/06/enel-incontra-openstreetmap/

Ciao

Cesare



Il giorno 07 settembre 2013 16:48, stefano campus <[hidden email]> ha scritto:
se la PA stava cercando un buon motivo per non abbracciare la filosofia del
"siamo tutti cartografi, geografi, noi-sì-che-conosciamo-il-territorio",
questa immagine del nord sardegna basta e avanza...

immagino che qualche autonomista, indipendentista abbia corretto i toponimi:
nugoro, tatari, s'alighera, terranoa ecc..

a questo punto, aggiungerò anche "A fora sos Italianos", come si leggeva un
tempo in molti muri dell'Isola.

Clipboard02.png
<http://gfoss-geographic-free-and-open-source-software-italian-mailing.3056002.n2.nabble.com/file/n7583486/Clipboard02.png>



--
View this message in context: http://gfoss-geographic-free-and-open-source-software-italian-mailing.3056002.n2.nabble.com/google-map-maker-tp7583486.html
Sent from the Gfoss -- Geographic Free and Open Source Software - Italian mailing list mailing list archive at Nabble.com.
_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013


_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: google map maker

Andrea Peri
On 08/09/2013 14:11, cesare gerbino wrote:

> Ciao Stefano,
>
> interessante ... ma questo tuo esempio semmai rafforza le differenze
> tra una mappa gestita da qualcuno che sul territorio non ci stà, e una
> mappa gestita da una comunità che invece si e, in un caso come questo,
> al netto delle modifiche fatte da qualche buontempone o da qualche
> autonomista, indipendentista come dici tu, avrebbe avuto modo e
> strumenti per riscontrare tempestivamente alterazioni di questo tipo e
> intervenire adeguatamente  e tempestivamente per ripristinare lo
> status quo identificandone anche gli autori.

Ma chi stabilisce quale sia il giusto status-quo ?

In questo caso ad esempio:
si tratta di una proditoria alterazione di dati pre-esistenti oppure si
tratta di aggiunte di nomi provenienti da dati ex-novo inseriti da
qualcuno che aveva svolto uno studio su carte storiche e ha quindi
inserito i  nomi che tali località avevano in altri periodi storici ?

Stabilire il corretto nome di una località non è semplice.
Alcuni studiosi si rifanno pure alle carte pre-unitarie per capire quale
sia il nome piu' giusto da dare a una località.

E poi, anche ammesso che si tratti di una alterazione voluta, finche' è
un toponimo palesemente errato puo' darsi che uno se ne accorga, ma se
cambiano in maniera errata la geometria di una strada e viene spostato
un riferimento.

E' piu' difficlle accorgersene.
E caricare su una community l'onere di accorgersene e risolvere
"tempestivamente" è forse attendersi troppo.

L'articolo che citi te, ad esempio.

L'enel carica i suoi dati, mica va a correggere quelli di altri che a
lei  non competono. Ne' mi pare di capire ha fornito fondi per far
lavorare la community nel carica e manutenere i suoi dati.
Mi pare di capire che ha fatto tutto da se', ma solo per gestire i suoi
dati e solo quelli.

Ma se ad esempio , ogni giorno qualcuno gli andasse a cambiare i dati,
l' enel , ogni giorno fa a ricontrollarli per vedere se sono a posto e
nel caso li risistema nuovamente ?

Non mi è chiaro come questo modus-operandi sia pratico alla lunga.

Mi è invece chiaro che se ho un dataset che sono obbligato a rendere
pubblico, tanto vale caricarlo su un sistema come OSM ottenendo un
ritorno pubblicitario. Ma se ogni giorno ci devo lavorare, per
mantenerlo sano e rimuovere eventuali alterazioni esterne mi diventa una
fonte di costo.

Non è così ?

Andrea.

_______________________________________________
[hidden email]
http://lists.gfoss.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
I messaggi di questa lista non hanno relazione diretta con le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
666 iscritti al 22.7.2013
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: google map maker

stefano campus
Administrator
il cambio dei toponimi dalla versione in lingua italiana a quella in lingua sarda (logudorese, per la precisione) è stato eseguito da più utenti che hanno avuto segnalazioni di rigetto da parte di altri utenti ma anche di approvazione.
non so esattamente come funzioni google map maker, ma in questo caso sembra esserci un problema di ambiguità di validità e di accettazione da parte della comunità.
questo, secondo me, porta a dire che la cartografia partecipata affinchè sia recepita dalla pa ha bisogno di uno sforzo di back office pauroso, appunto perchè in un procedimento amministrativo (perchè è bene che ricordare che la pa "parla" con atti/provvedimenti amministrativi) nuoro è nuoro e non nugoro.

nello specifico poi, anche la traduzione di "sassari" in "tatari" non è appropriata perchè a sassari non si parla sardo ma sassarese, così come ad alghero, in cui si parla catalano, non dicono s'Alighera ma l'Alguer.